3290329957

Lo studio legale De Jure dell’avv. Giovanna Puopolo è a Foggia situato al piano terra, si tratta del primo studio “fronte strada” di Foggia  provincia.

L’idea innovativa nasce dal desiderio di rimodernare la figura dell’avvocato,ormai in crisi, ponendosi al servizio della gente e in particolare affianco alle vittime di violenza.

Purtroppo la maggior parte delle donne ignora i propri diritti. Basti pensare che poche sanno della possibilità di ottenere oltre l’allontanamento dalla casa familiare anche “nell’immediato” un assegno di mantenimento provvisorio che può essere detratto direttamente dalla busta paga.

Spesso le vittime di violenza domestica non procedono contro i loro aguzzini perché temono di restare senza soldi ebbene devono sapere che la legge è dalla loro parte.

Sin dai primi anni della mia carriera, nella città partenopea, ho seguito casi di cronaca nera di particolare rilevanza: traffico internazionale di droga, associazione mafiosa,estorsioni eppure i casi che più mi appassionavano erano quelli che avevano come vittime donne e bambini, vederli rinascere durante il percorso ripaga sempre di tutti i sacrifici fatti.

In Italia
circa 7 milioni di donne hanno subìto nell’arco della propria vita una qualche
forma di violenza fisica o sessuale. Nel 62,7%  dei casi lo stupro è stato
compiuto dal partner o dall’ex. Il percorso si presenta sempre molto simile,si
parte da blande minacce fino ad arrivare al culmine dell’aggressione e nei casi
più gravi all’assassinio.

Un caso che mi ha sconvolto riguardava una giovane donna, decisamente brillante, eppure in quel tempo succube dell’amato marito, la quale il giorno più bello della sua vita, quello della nascita del proprio figlio è stata violentemente malmenata dopo un cesareo di urgenza dal padre del piccolo . Purtroppo queste donne vivono in un limbo oscuro, inaccessibile ,che le vede succube dei propri aguzzini, una sorta di sudditanza psicologica.

Fortunatamente molte riprendono in mano la loro vita, si fanno coraggio e denunciano i loro partner violenti senza più tornare indietro altre invece, dopo una prima fase di ribellione, si ritrovano di nuovo nel circolo vizioso della violenza per colpa di quella che in gergo viene definita “luna di miele”.

La Luna di miele si ha perché l’uomo violento, dopo la minaccia della denuncia, promette di cambiare, di non commettere più gli stessi errori, diventa premuroso, romantico e così cerca in tutti modi di evitare che la donna lo porti dritto in carcere. Purtroppo nella maggioranza dei casi si tratta di una finzione, bisogna dirlo, l’uomo violento è recidivo.

https://www.studiodejure.com/contatti/