3290329957

Lo Studio Legale De Jurein Foggia, grazie alla collaborazione con altri Colleghi, garantisce l’assistenza con il gratuito patrocinio presso il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Foggia e Napoli.

Che cosa è il gratuito patrocinio:

Il gratuito patrocinio, è un istituto che garantisce ai non abbienti di potersi avvalere dell’assistenza tecnica di un avvocato senza corrispondere il relativo onorario, che viene posto a carico dello Stato, sia per promuovere una causa, sia per resistere in giudizio.

Ambito di applicabilità del gratuito patrocinio:

Il gratuito patrocinio è assicurato sia nel processo penale per la difesa del cittadino non abbiente, indagato, imputato, condannato, persona offesa da reato, danneggiato che intenda costituirsi parte civile, responsabile civile ovvero civilmente obbligato per la pena pecuniaria, sia nel processo civile, amministrativo, contabile, tributario e negli affari di volontaria giurisdizione, per la difesa del cittadino non abbiente quando, come detto, le sue ragioni risultino non manifestamente infondate.

L’ammissione al gratuito patrocinio è valida per ogni grado e per ogni fase del processo e per tutte le eventuali procedure, derivate ed accidentali, comunque connesse.

La disciplina del gratuito patrocinio si applica, in quanto compatibile, anche nella fase dell’esecuzione, nel processo di revisione, nei processi di revocazione e opposizione di terzo, nonché nei processi relativi all’applicazione di misure di sicurezza, di prevenzione e nei processi di competenza del tribunale di sorveglianza, sempre che l’interessato debba o possa essere assistito da un difensore o da un consulente tecnico.

Chi ha diritto al gratuito patrocinio:

Nel processo civile, amministrativo, contabile, tributario e negli affari di volontaria giurisdizione possono beneficiare del gratuito patrocinio i cittadini italiani, gli stranieri regolarmente soggiornanti sul territorio nazionale .

Nel processo penale il trattamento previsto per il cittadino italiano è assicurato altresì allo straniero e all’apolide residente nello Stato Italiano.

Condizioni per l’ammissione al gratuito patrocinio:

Dal momento che l’istituto del gratuito patrocinio opera in favore di coloro che versano in difficoltà economiche, per poter accedere a tale beneficio gli aventi diritto devono dimostrare di essere in possesso di determinati requisiti individuati dalla legge di riferimento, il D.P.R. n. 115 del 2002 (Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia).

Può essere ammesso al gratuito patrocinio chi è titolare di un reddito annuo imponibile ai fini dell’imposta personale sul reddito, non superiore ad Euro 11.528,41, risultante dall’ultima dichiarazione (importo aggiornato dal decreto 7 maggio 2015)”.

Ai fini della determinazione del limite di reddito si tiene conto anche dei redditi che per legge sono esenti dall’imposta sul reddito persone fisiche (IRPEF) o che sono soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta, ovvero ad imposta sostitutiva.

Qualora il richiedente conviva con il coniuge (o compagno) e/o altri familiari, nella determinazione del limite di reddito come sopra indicato si considerano anche i redditi conseguiti nel medesimo periodo da ogni componente del nucleo familiare, compreso l’istante.

Solo nel caso in cui oggetto di causa siano i diritti della personalità o interessi dell’istante in conflitto con quelli degli altri componenti del nucleo familiare con lui conviventi, si tiene conto esclusivamente del suo reddito personale (ad es: i giudizi di separazione o divorzio).

I limiti di reddito sono adeguati ogni due anni in relazione alla variazione, accertata dall’ ISTAT, dell’ indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati, verificatasi nel biennio precedente, con decreto dirigenziale del Ministero della Giustizia, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze. Infine, occorre un ulteriore precisazione. Infatti, per essere ammessi al patrocinio a spese dello Stato nel processo penale si applica lo stesso limite di reddito di € 11.528,41, ma con un correttivo: infatti l’art. 92 stabilisce che se il richiedente convive con il coniuge o altri familiari, il limite di reddito è elevato di € 1.032,91 per ognuno dei familiari conviventi.

il gratuito patrocinio in sede civile:

L’istanza di gratuito patrocinio è sottoscritta dall’interessato a pena di inammissibilità. Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati, verificata l’ammissibilità dell’istanza, nei 10 giorni successivi a quello in cui è pervenuta o è stata presentata, ammette l’interessato al gratuito patrocinio. Copia del provvedimento è trasmesso all’interessato.

Il gratuito patrocinio in sede penale:

L’istanza di gratuito patrocinio è sottoscritta dall’interessato a pena di inammissibilità. L’istanza di ammissione al patrocinio è presentata all’ufficio del magistrato innanzi al quale pende il processo; l’istanza può essere presentata dal difensore direttamente in udienza

Non esitare a richiedere una consulenza legale e a sottoporci il Tuo caso

Modulistica gratuito patrocinio Foggia : https://www.ordineavvocatifoggia.it/modulistica/